Provincia autonoma di Trento

GOAL 8

Turismo sostenibile

Alcuni Target del Goal 8 propongono di elaborare e attuare entro il 2030 politiche volte a sostenere il turismo sostenibile, così da creare posti di lavoro e promuovere la cultura e i prodotti locali.
Alcuni obiettivi inoltre incoraggiano politiche di sviluppo che supportino le attività produttive, l'imprenditorialità, la creatività, l'innovazione e le condizioni per un lavoro dignitoso.

Anno 2026 “Allora, stasera arriva questa comitiva da Beirut, sono entusiasti di fermarsi da noi nella vecchia torre ristrutturata a Zero Emission per questa settimana! Alla stazione ci sarà l’Eco-car ad attenderli per le 20.00.” “Bene, non vedo l’ora di conoscerli. Ho già prenotato per loro anche il percorso che chiedevano “Dalla Terra alla Tavola”, che domani li accompagna a fare il trekking naturalistico e alla fine li porta a raccogliere i frutti del meleto agroecologico di Roberto e poi con lo Chef Piero imparano a fare lo strudel e la gelatina di mele con le bucce avanzate, da portarsi a casa! ”

Il turismo sostenibile sarà uno degli asset di sviluppo locale, dall'ultimo Rapporto 2019 “ Gli italiani, il turismo sostenibile e l’ecoturismo ”  realizzato dalla Fondazione UniVerde, risulta infatti che cresce all'81% la percentuale sul livello di conoscenza della definizione di “turismo sostenibile” e che oltre il 67% il totale degli intervistati lo considera eticamente corretto e vicino alla natura.
Il “vincolo di sostenibilità” per un’area turistica rappresenterebbe una necessità o un’opportunità di crescita per il suo sviluppo economico, secondo ben l’89% degli utenti.

Per dare un valore alle potenzialità del turismo sostenibile, sono presenti alcuni alcuni strumenti che permettono agli utenti di capire quanto una struttura ricettiva faccia veramente attenzione alla sostenibilità, e agli imprenditori di capire come migliorare in campo ambientale, sociale e come creare nuovi posti di lavoro in questo settore.

Esistono infatti marchi non diffusamente conosciuti ma molto validi. Uno  studio   effettuato da APPA - Agenzia Provinciale per la Protezione dell'Ambiente nel 2015, ha valutato due marchi di qualità ambientale diffusi in Trentino (Ecolabel Europeo per il turismo ed Ecoristorazione Trentino per la ristorazione), evidenziando le ricadute positive rispetto a strutture che hanno deciso di non aderire a questi marchi.  

Alcuni servizi ricettivi hanno per esempio deciso di dotarsi del marchio ambientale  Ecolabel  dell’Unione europea e alcune anche del marchio Ecorostorazione per i propri ristoranti. Le strutture devono infatti sottostare a diversi criteri contenuti all'interno di un disciplinare che affronta tutti gli aspetti che deve gestire una struttura per essere sostenibile da un punto di vista sopratutto ambientale.

Un altro esempio è il Marchio CETS - Qualità Parco, nato all'interno dell'area protetta Parco Naturale dell'Adamello Brenta con lo scopo di coniugare la salvaguardia e la protezione dell’ambiente con attività di promozione e divulgazione turistica.

Le attenzioni che devono avere le realtà che aderiscono ai marchi di sostenibilità non sono relative solo agli aspetti ambientali ma anche agli aspetti sociali della sostenibilità, come ad esempio il trattamento e la formazione del personale, così che i dipendenti possano agire in maniera più consapevole durante le attività lavorative quotidiane e trasmettere informazioni corrette agli ospiti. 

Proprio qui in Trentino inoltre è nato anche eco bnb , prima un portale per prenotare strutture attente all'ambiente  e poi diventato un portale per viaggiare in modo eco-sostenibile in tutta Italia, con le guide di viaggio verde, proposte di itinerari lenti e molto altro. 

Attualmente l’indotto che piano piano il turismo sostenibile porta in Trentino si amplia sempre più, creando reti e interrelazioni che si sviluppano tra diverse realtà economiche come le strutture ricettive, il produttore, la ristorazione a km 0 e le professioni naturalistiche.

Il tutto con il supporto delle innovazioni tecnologiche che permettono di usufruire in modo intelligente di tutti i servizi e di costruire tra la comunità che ospita il turista e l' ospite stesso una relazione e non più un mero scambio economico.

 

Incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti

Negli ultimi 25 anni a livello mondiale sono diminuiti i lavoratori che vivono in condizioni di estrema povertà e la disoccupazione è tornata ai livelli pre-crisi. Molti lavoratori sono però ancora esposti a rischi eccessivi sul posto di lavoro e non hanno un regolare contratto; il tasso di disoccupazione giovanile è alto ed è presente un significativo divario retributivo di genere.

La situazione in Italia è peggiorata rispetto al 2010, in particolare per quanto riguarda il tasso di disoccupazione e la quota di persone giovani che non lavorano e non studiano.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informativa cookiescookies