Provincia autonoma di Trento

GOAL12

Aquafil

Tra i diversi target del Goal 12 da raggiungere entro il 2030,  vi è la riduzione sostanziale della produzione di rifiuti attraverso la prevenzione, la riduzione, il riciclaggio e il riutilizzo. In particolare è necessario ottenere la gestione ecocompatibile di sostanze chimiche e di tutti i rifiuti e ridurre significativamente il loro rilascio in aria, acqua e suolo, al fine di minimizzare i loro effetti negativi sulla salute umana e l'ambiente. 

Anno 2024 “Domani viene l’architetto a portarci i bozzetti per l’arredamento, sai che il filato dei tappeti che ci ha consigliato provengono da reti da pesca ripescate dal mare e rigenerate in un nuovo filato?” “Ah si, ricordo di aver sentito parlare di questi materiali, pensa che anni fa hanno addirittura creato una giacca riciclabile all'infinito con Napapijri!”

Economia circolare  è un termine generico per definire un’economia pensata per potersi rigenerare da sola. In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera.

Secondo la Ellen Mc Arthur Foundation, la fondazione internazionale dedicata all'economia circolare, l'industria dell'abbigliamento vale 1,3 trilioni di dollari e impiega oltre 300 milioni di persone lungo la catena di produzione.

I tessuti utilizzati per produrre abbigliamento rappresentano oltre il 60% del totale e negli ultimi 15 anni la produzione è quasi raddoppiata, trainata dal trend in crescita della popolazione, ma nel contempo è diminuito di quasi il 40%  l'utilizzo dei capi di abbigliamento anche a causa del fenomeno del fast fashion, ovvero nuovi stili, aumento del numero di collezioni offerte all'anno e spesso prezzi più bassi. Ecco perché la Mc Arthur Foundation ha lanciato la campagna per un abbigliamento circolare “ Make fashion circular ” coinvolgendo diversi marchi riconosciuti a livello mondiale.

In questo contesto di cambiamento mondiale, l’economia circolare in Italia risulta la migliore, nel confronto tra le 5 più importanti economie europee, superando quella del Regno Unito, della Francia, della Germania e della Spagna (fonte: Rapporto sull'economia circolare in Italia ).

In Trentino, abbiamo diverse eccellenze per quanto riguarda l’economia circolare nel mondo del tessile, come per esempio Vegea  che utilizza rifiuti biologici dalla produzione di vino, per creare tessuti di pelle vegetale.

L’azienda Aquafil di Arco, invece rigenera reti da pesca e altri rifiuti per creare il polimero ECONYL® , utilizzabile come filato in due grandi settori: filo per tappetti e filo per abbigliamento.

Il processo consiste nel recuperare i rifiuti come reti da pesca, scarti di tessuto, moquette usate e plastiche industriali, rigenerare creando nylon ECONYL® con qualità analoga a quella iniziale: si ottiene quindi un nuovo tipo di filato per reinventare prodotti completamente nuovi.

Immagine tratta dal sito Aquafil group

La capacità di Aquafil è stata proprio quella di intercettare un problema come quello delle reti da pesca abbandonate negli oceani e altri rifiuti e farne un business con il marchio che ad oggi gli permette di collaborare con eventi internazionali come il Green Carpet Fashion Awards a Milano in Piazza della Scala con tappetti che saranno poi riutilizzati. Oppure contribuire con il proprio filato a produrre la prima giacca circolare 100% riciclabile di Napapijri: utilizzando un solo materiale il processo di riciclaggio diventa più semplice, la giacca entra nella macchina di riciclaggio così com'è e le fibre vengono riciclate senza perdere nessuna delle loro caratteristiche o qualità originali. Per chiudere il cerchio i clienti che acquistano la giacca possono registrarsi online e hanno la possibilità, dopo almeno due anni, di restituirla ed avere un buono per acquistarne un’altra.

Come dice Aquafil “dove altri vedono solo rifiuti, noi vediamo un tesoro”, un economia circolare che davvero crea un cambio di paradigma e ad oggi permette di rendere un materiale riutilizzabile all'infinito non è più un sogno ma una realtà a due  passi da noi.

 

Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo

A livello mondiale continua ad aumentare il consumo di risorse naturali.
In Italia cresce la sensibilità ambientale per modelli di produzione e consumo responsabili: aumentano infatti la raccolta differenziata e il riciclaggio dei rifiuti.

Il Trentino porta avanti politiche efficaci per lo smaltimento dei rifiuti, per integrare le pratiche di sostenibilità in tutti i settori dell'economia e per incoraggiare imprese e consumatori a ridurre gli sprechi

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informativa cookiescookies